#RicalcolaPercorso: terzo giorno ad Anagni

Versione stampabileVersione stampabile
Il settore giovani alla partita di andata SG vs Msac

di Daniele Conciatori e Francesca Di Maio (Diocesi di Albano) – Il terzo giorno di campo ad Anagni ha avuto inizio con la celebrazione della S. Messa presieduta da Padre Ugo Bianchi (padre gesuita presso la comunità Gesù Nuovo di Napoli), il quale, facendo riferimento all'immagine della "rete gettata nel mare", ha sottolineato l'importanza di definire il tempo  del discernimento, ovvero il tempo in cui le reti saranno piene e potranno essere tirate a riva.  

"Ma dove vai se il discernimento non ce l'hai?"   
La mattina è proseguita in compagnia di padre Ugo Bianchi che ci ha donato una riflessione sul discernimento. In questa riflessione siamo stati accompagnati dalla vita del "pellegrino" Sant'Ignazio di Loyola, dalla sua concreta esperienza di vita e conversione che si esprime nella pratica degli esercizi spirituali. La concretezza della vita di tutti i giorni ha caratterizzato questa riflessione, in cui il discernimento è stato paragonato all'atto di setacciare la farina, ovvero al vagliare, al ponderare e allo scegliere. Scegliere non tra il bene e il male, bensì tra il bene e il bene in cui c'è un "di +" che permetta di raggiungere il progetto di gioia che Dio ha per noi.  
Il discernimento è la volontà di entrare in se stessi e curare la propria inquietudine, insomma dare ascolto ai "movimenti interni" che danno voce ai nostri sentimenti. Quindi il discernimento è anche un esercizio di libertà. Un esercizio che si può svolgere giorno dopo giorno attraverso l'esame di coscienza che permette di ricordare i benefici che il Signore ha operato in me, per chiedere la grazia di riconoscere gli sbagli e per far emergere i sentimenti che mi hanno abitato. Padre Ugo Bianchi ci ha consegnato strumenti concreti e pratici da poter utilizzare nel quotidiano, per aiutarci a discernere i segni dei tempi, seguendo l'esortazione di Papa Francesco.  
Nel pomeriggio le attività sono riprese con la divisione dei campisti nei gruppi diocesani, per provare a scattare una fotografia della propria realtà analizzando in particolare gli aspetti della formazione, della vita spirituale, della Chiesa locale, dell'unitarietà e delle alleanze.  
Le "foto" delle diocesi sono state condivise nei gruppi già costituiti da venerdì per arrivare ad una sintesi su ciascuna area tematica affrontata e giungere ad una visione globale, che è stata poi condivisa in plenaria, al termine del pomeriggio.  
 
"Ogni Cattolico non può non essere allegro!"  
Prima della cena ciascuno di noi si è dedicato del tempo attraverso un momento personale di preghiera, anche grazie alle testimonianze di vita dei beati Pier Giorgio Frascati e Itala Mela.  

Partita Settore Vs Msacchini-Anagni 
La giornata si è conclusa con il tanto atteso derby calcistico tra il settore Giovani e il Msac. Una sfida ricca di emozioni, sia dentro che fuori dal campo, con goal da cineteca e cori di rara bellezza che han visto la vittoria parziale del Settore Giovani per 6 a 2. La palla adesso passa ai campisti di Fognano dove verrà decretato il vincitore di quest'anno e il nuovo detentore della coppa.