Dal mondo

La preghiera dell’uomo moderno

Preghiera

Dalla disperazione del mondo alla speranza che è in noi

«La preghiera del mattino dell'uomo moderno è la lettura del giornale. Ci permette di situarci quotidianamente nel nostro mondo storico», scriveva Georg Wilhelm Friedrich Hegel. In un tempo che legge ‘moderno’ come ‘secolarizzato’, il giornale è il luogo dove per eccellenza sembra venire a crisi ogni fede. Tra le righe di un quotidiano davanti al caffè del mattino ogni tentativo di dare un senso a ciò che accade sotto il sole deve verificare la sua inconcludenza. Il senso, qualsiasi esso sia, che al termine di una giornata sembra pacificare il cuore prima di congedarlo nel riposo della notte, deve confessare la sua egocentrica miopia in quel rituale che porta sotto gli occhi di chi vive sicuro l’orrore o il ridicolo della storia.

Amicizie (stra)ordinarie

Marta e Francesco

Marta e Francesco sono due giovani amici conosciutisi poco più di un anno fa. Lei è una psicologa trentenne di Milano, lui un ventiseienne istruttore di apnea partenopeo. Forse qualcuno già conosce la loro storia grazie al servizio che li ha visti protagonisti nella famosa trasmissione televisiva “Le Iene”.

I due ragazzi hanno raccontato, attraverso le loro vive voci e gli sguardi ricchi di gioia e di entusiasmo, il bellissimo rapporto che li lega e le fantastiche esperienze che insieme hanno vissuto e continuano a vivere.

Un minuto per la pace - lunedì 8 giugno 2015 alle ore 13

Un minuto per la pace

A un anno esatto, l’8 giugno 2015, proponiamo di ricordare l’incontro avvenuto l’8 giugno 2014, rilanciando l’iniziativa “Un minuto por la paz”.

I conflitti sono molti, troppe persone deboli e indifese soffrono e muoiono. Il Papa ha sottolineato: “È in corso una III guerra mondiale, ma a pezzi”, siamo consapevoli che “costruire la pace è difficile, ma vivere senza pace è un tormento”. Per questo intensifichiamo la nostra preghiera