Presentazione delle guide 2019/20

Versione stampabileVersione stampabile

L'estate ormai è alle porte ed è questo il momento in cui si fanno grandi progetto. Per questo motivo, come ormai da tradizione, al convegno delle presidenze diocesane svoltosi dal 3 al 5 maggio sono state presentate le guide per i percorsi giovani e giovanissimi 2019/2020. E' bello pensare all'estate come un momento per fermarsi e prendere e fiato, ma anche per provare a mettere in cantiere i tanti sogni che coltiviamo per il nuovo anno; e allora perché non dedicare parte di questo tempo a riflettere e a farsi interrogare dal prossimo tema associativo? 

«Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi». 

Il brano biblico dell'anno - Matteo 25, 31-46 - ci riconduce all’essenziale dell’incontro con Cristo: vivere oggi una vita riuscita, una vita di pienezza. Gesù “buon pastore” non si pone sul podio delle Verità, ma si “abbassa” mettendosi alla nostra statura, non guarda dall’alto al basso e non ci chiede di metterci alla Sua statura, ma è Lui che si mette alla nostra e ci guarda dritto negli occhi. In questa riflessione si inserisce la scelta del titolo della guida giovani “Alla Tua Altezza" attraverso le tre dimensioni di vita dei giovani (Scelte, Relazioni, Comunità).

Il medesimo brano accompagnerà anche l'anno dei giovanissimi che, attraverso le proposte della guida "Qui è ora!" lavoreranno sulla difficile sfida di unire lo sguardo sul futuro a quello sulla vita quotidiana: è sulla nostra capacità di amare oggi che ci giochiamo il nostro futuro, il momento in cui
sarà la nostra stessa vita a parlare per noi. Il brano dell’anno è quindi un invito a radicarsi nel presente
per vivere bene il futuro. 

I file allegati a questo articolo contengono le presentazioni delle guide, della loro struttura, finalità e metodi e sono stati pensati per aiutare l'educatore ad approcciarsi meglio allo strumento, fermo restando che ogni gruppo rappresenta un piccolo universo a sè e che l'educatore sarà chiamato ad esercitare un filtro tra la proposta della guida e i giovani a lui/lei affidati. 

Buon lavoro a tutti!