Il più grande dei tesori - da Graffiti

Versione stampabileVersione stampabile

di Margherita Bosi

“Non possiedi davvero qualcosa finché non lo doni”. Non ricordo con certezza chi lo dicesse e in primo impatto devo ammettere che mi abbia sempre lasciata un po’ dubbiosa, ma questa frase è proprio quella giusta per cominciare questa riflessione.

Leggila bene, leggila più volte… non ti sembra assurda? Non pensi anche tu che sia strano possedere qualcosa soltanto donandolo? Lo dico chiaramente: quando ero piccola, ogni volta che avevo qualcosa di mio, trovavo faticoso lasciarlo nelle mani di qualcuno sperando con ogni parte di me che non lo rompesse. Per carità, lo facevo, ma dovevo sempre vincere quella vocina che mi diceva che sarebbe stato meglio tenerlo per me. Poi sono nati i miei fratelli ed ho davvero capito quanto fosse vera questa frase. Cosa intendo dire? Ho cominciato a realizzare che soltanto condividendo con loro le mie cose, fosse davvero bello averle. E non parlo solo di oggetti materiali: quei marmocchietti mi hanno insegnato che mettere a disposizione le mie capacità, se pur semplici, fosse il miglior modo per farle crescere e per renderle davvero uniche ed essenziali.

Siamo immersi in una realtà che ci dice continuamente che valiamo se possediamo, che siamo qualcuno se siamo alla moda, che mettersi a disposizione gratuitamente è da stupidi: noi valiamo di più, molto più di questo! È fondamentale, quindi, non trattare gli altri come se fossero oggetti: le persone non sono usa e getta e il loro valore non è un prezzo su un cartellino o il tipo di scarpe che indossano!

Certo, ognuno di noi ha la propria personalità e si rapporta all’altro a seconda del proprio carattere, non siamo sempre tutti pronti a metterci in gioco o a condividere esperienze o oggetti, anche se questo non giustifica il trattare gli altri come cose. Ci è chiesto quindi di fare un piccolo sforzo perché siamo parte di una comunità e siamo preziosi e ricchi proprio perché vi apparteniamo: è lo stare insieme e il condividere con gli altri che rende bella la nostra vita ed arricchisce il quotidiano.

 


Questo articolo è tratto dall'ultimo numero di Graffiti. Puoi leggere la rivista completa da PC o scaricando gratuitamente l'app: