Un abbraccio associativo

Versione stampabileVersione stampabile
“Tu mi domandi se sono allegro; e come non potrei esserlo?
Finché la Fede mi darà forza sempre allegro! Ogni cattolico non può non essere allegro”
(Beato Pier Giorgio Frassati)
 

 

Carissimi amici,

  
con grande gioia e molto emozionati vi salutiamo con affetto dopo questi giorni ricchi di pensieri, domande e speranze, all’indomani dell’elezione, da parte del Consiglio nazionale, dell’intera Presidenza.  Anche noi siamo saliti su questa barca con grande fiducia.
Il grande abbraccio che stiamo ricevendo da tutta l'Associazione in questi giorni è davvero immenso e ci ha commosso... La trepidazione cede il passo alla fiducia; siamo entusiasti di iniziare questa avventura, convinti che la forza sarà nelle relazioni con ciascuno di voi e con il Signore, e nel desiderio di camminare insieme.
Ecco perché sentivamo l’urgenza di salutarvi tutti, nell’attesa di poterci incontrare e conoscere di persona.
 
Il nostro primo pensiero va innanzitutto ai tanti giovanissimi e giovani che in tutte le belle diocesi d’Italia hanno la fortuna di aver incontrato l’Ac e che, proprio per questo, tendono a fare della propria vita un capolavoro di umanità e di santità. Assieme a loro salutiamo calorosamente quanti si mettono generosamente al loro fianco: i loro educatori con i sacerdoti assistenti, i responsabili parrocchiali, diocesani e regionali. A tutti e a  ciascuno giunga un grande abbraccio.
 
In questo momento vogliamo rivolgere un grande grazie a tutti coloro che ci hanno preceduto nel servizio associativo, in particolare a Marco Iasevoli e a Chiara Finocchietti che nello scorso triennio ci hanno testimoniato la bellezza di essere giovani innamorati del Vangelo, appassionati della vita e al servizio degli altri, specie delle nuove generazioni, attraverso la nostra meravigliosa Azione cattolica.
Desideriamo estendere il nostro grazie anche ai vice presidenti giovani che hanno terminato il mandato associativo nelle proprie diocesi come anche a coloro che lo hanno rinnovato per un nuovo triennio... il vostro “SI” ha permesso di mantenere saldi i fili della storia associativa e dell’esperienza della fede, donando ancora una volta alla nostra Chiesa e al nostro Paese la possibilità di credere alla forza della Fede e alla volontà di tanti giovani di vivere pienamente la vita alla luce dello Spirito.
 
Ora tocca a noi, con ciascuno di voi,  percorrere il cammino già tracciato e vivere le situazioni nuove che saremo chiamati ad affrontare, rispondendo con gioia e nella responsabilità  al servizio che ci viene richiesto in questo tempo.. Sentiamo forte il richiamo a vivere insieme, nella corresponsabilità operosa, il tempo nuovo che ci sta dinanzi.
 
Tante saranno le occasioni che avremo per confrontarci, incontraci e crescere insieme, a partire dal campo nazionale  “Sogni Veri – Giovani e progetto di vita”, che ci vedrà riuniti a Fognano (RA) dal 23 al 27 Luglio, per poter insieme riflettere su noi giovani ed il nostro progetto di vita.
 
Vi ricordiamo inoltre i prossimi appuntamenti che, come settore Giovani, vivremo insieme dopo essere ritornati dalla GMG di Madrid:

  • 24 Settembre ad Assisi, Incontro-Pellegrinaggio dei Giovani di Ac , momento di formazione e preghiera sul tema della pace e del dialogo interreligioso. Un incontro che precederà di un mese la Giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace che Benedetto XVI ha convocato per il 27 ottobre 2011. L’incontro sarà aperto a tutti i giovani di Ac, ma avrà dei posti limitati che verranno assegnati in modo da permettere la presenza di una rappresentanza da ogni diocesi.
  • 22-23 ottobre a Roma, modulo formativo dedicato ai nuovi vicepresidenti diocesani, e aperto, ovviamente, a tutti i vicepresidenti che ritengono necessario approfondire alcuni aspetti fondativi del loro servizio.

 
Prima di salutarci ci pare bello ricordarci che tra qualche giorno, il 4 luglio, celebreremo la memoria del nostro beato Pier Giorgio Frassati. È anche un lunedì per cui adoriamo il lunedì in questa bella e grande comunione e sotto la protezione di Maria, Madre della Chiesa, e dei Santi e dei Beati dell’Azione cattolica riponiamo il nostro comune servizio perché sia sorgente di gioia e di speranza per tutti specie per i più giovani.
 
“Se vi chiama, vuol dire che vi ama!” dice don Tonino Bello, allora auguriamo a tutti voi di sentirvi, ogni giorno di questo triennio associativo, abbracciati, coccolati e sostenuti dalle mani di Dio.
 
Anche a nome dell’intera Presidenza e dei consiglieri e di tutti gli amici del settore Giovani vi salutiamo con affetto,
 

Lisa, Marco e don Vito